La Polifonica Vitaliano Lenguazza 60 anni fotografata da Tiziano Biasioli

Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.
Leggi l'informativa estesa per informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

 
 

 

60 foto
 
dedicate al Concerto per il 60° compleanno della
Polifonica Vitaliano Lenguazza
Padova – Teatro Verdi – 17 gennaio 2019 – 797° a B. c.
 
 


 

Il 6 febbraio del 1969, ancor liceale, ero presente al concerto per il decennale della Polifonica che dopo quella mirabile esibizione avrebbe ripiegato gli spartiti (che pochi riuscivano a leggere...).

Andava in quiescenza la massima espressione della Goliardia Patavina mentre mi accingevo a programmare per l'anno successivo il mio viaggio in compagnia di Bacco, Tabacco e Venere.

Avrei dovuto navigare fra piazze e osterie senza il conforto delle note sublimi dei Professori della Lenguazza sotto l'egida del Maestro Cicero.

Per la musica fu un annus horribilis: anche i Beatles si stavano sciogliendo!

Ma dopo qualche anno la Polifonica, simile alla Fenice, risorse; trovò linfa vitale nelle giovani leve e si aggiornò alle nuove tendenze facendosi persino dirigere da una rappresentante del gentil sesso.

Ma andiamo ai giorni nostri: la Polifonica ha voluto festeggiare il suo 60° compleanno con un grande concerto nella nobile sede del Teatro Verdi.

Di esecuzioni nelle più svariate location ne avrò riprese come minimo una ventina (una addirittura grazie ad un finanziamento dell'Unione Europea) ma, la Polifonica, a mio giudizio, mai aveva suonato così bene come quest'anno!

La raffinatezza dell'esibizione si è sublimata quando i Professori hanno voluto inserire un paio di “stecche” per significare che la Polifonica non è un ensemble professionale ma una compagine Goliardica...

E, a proposito di Goliardia, non posso esimermi da biasimare l'assenza quasi totale dei giovani goliardi, di mantelli di Ordini e Accademie (ne ho visto solo un paio indossati da “anziani”), di Berretti Goliardici.

Non solo, anche una consolidata tradizione è venuta meno: né il Tribuno, né un membro del Tribunato, sono saliti sul palco a salutare i Professori Polifonici e a ringraziare il folto pubblico che, fra l'altro, ha permesso una importante donazione al Filo d'Oro.

Palesa lo scollamento fra la Lenguazza, massima espressione della Goliardia Patavina, e l'attuale gruppo di indossatori di mantelli e cappelli.

Ci si domandava qualche anno fa: la Goliardia è morta?

Questa volta pare proprio di sì!

 

Tiziano Principe del Bo'

Organizzatore di tre Feste delle Matricole e di venti edizioni del Criterium Sciistico Internazionale Goliardico

 

 

a cura dell'Ufficio Cultura Goliardica dell'Ordine dell'Aquila Vinulenta

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 
 

Vedi il sito dedicato ai
Vini della Serenissima Repubblica di San Marco

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 
 

 

 

visita le nostre pagine dedicate a

Cibo, vino, ospitalità

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Maestro vola
 

 

 

 

 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

   
 
   

 

L'autore del reportage: Tiziano Biasioli
   

 

 
Qualche video di Goliardia